Le aziende italiane ed estere mantengono i propri livelli di occupazione nonostante l’automazione

L’87% delle aziende nel mondo e il 94% in Italia incrementa o mantiene i propri livelli di occupazione nonostante l’avvento dell’automazione.
Secondo i dati di una ricerca condotta da ManpowerGroup dal titolo ‘Humans wanted: robots need you’, entro il 2030, la richiesta di soft skill (competenze sociali ed emotive) aumenterà del 22% in Europa.

Riccardo Barberis, amministratore delegato di ManpowerGroup, ha così commentato i risultati della ricerca:

“Dobbiamo sfatare il mito dei robot come minaccia dei lavoratori. Non possiamo fermare l’evoluzione tecnologica, la nostra responsabilità è piuttosto quella di individuare le migliori soluzioni per integrare il lavoro umano con quello delle macchine. Per questo diventa sempre più importare attrarre e scegliere i talenti in possesso delle competenze soft più adatte e che siano in grado di valorizzare al meglio il lavoro delle macchine. Inoltre, aumenta la probabilità di scegliere la persona giusta per il ruolo più adatto dal 50% a più dell’80%”.

Sempre secondo la ricerca, la metamorfosi e lo sviluppo delle competenze è il nuovo punto cruciale, infatti l’84% delle aziende sta pianificando di aggiornare le competenze dei propri dipendenti nel 2020.

N.B L’indagine è stata condotta su 19.000 datori di lavoro in 44 paesi del mondo.