Il Parlamento del Gran Bretagna sequestra dei documenti riservati a Facebook

Il Parlamento britannico ha confermato di aver fatto sequestrare alcuni documenti riservati collegati con le accuse di abusi di dati personali rivolte a Facebook.

Il materiale è stato confiscato d’autorità a un manager di Facebook di passaggio a Londra da agenti inviati dalla commissione Digitale e Media della Camera dei Comuni che sta conducendo un’inchiesta appositamente per il caso.

I documenti fanno riferimento a un’app per la ricerca di foto online denominata ‘bikini’ (ormai non più utilizzata e dismessa) ma che sarebbe stata utilizzata in passato per prendere immagini sui social network e sul web.