Intervista ad uno dei Co-Founder di Euro-Latin cooperation

Euro-Latin Cooperation Logo
Techgalaxy.eu è lieto di pubblicare l’intervista fatta a Luca Di Pietro co-fondatore di Euro-Latin Cooperation, progetto emergente dedicato alla Cooperazione internazionale tra Europa e America latina.

Tale progetto si sviluppa quasi esclusivamente tramite la propria piattaforma web e risulta avere grandi potenzialità.

PAGINA FBPAGINA INSTAGRAM

(di Euro-Latin Cooperation)

 

  • Cosa è Euro-Latin Cooperation?

Euro-Latin Cooperation è un sito web dedicato alla Cooperazione Internazionale tra Europa e America Latina. La Cooperazione Internazionale ha come obiettivo lo sviluppo socio-economico delle aree del pianeta più fragili. Numerosi fattori incidono sullo sviluppo di uno Stato come la sicurezza alimentare, la qualità del sistema educativo, la sanità ecc. L’obiettivo della cooperazione è in pratica aiutare, non attraverso opere di carità bensì mediante la diffusione e la trasmissione di conoscenze e la creazione di progetti per lo sviluppo quei paesi che, per varie ragioni, si trovano in una condizione di sotto sviluppo.

Noi di Euro-Latin cooperation focalizziamo la nostra attenzione sul continente sud americano, e delle relazioni di quest’ultimo con l’Europa. Il sito tratta tre macro argomenti : cooperazione internazionale, America Latina e Geopolitica latina.

 

  • Quando e per quale motivo è nato questo progetto?

L’idea è nata lo scorso anno, ma si è concretizzata solo a Marzo 2018, quando con tutti i membri del team abbiano iniziato a delineare idee e temi, pianificando linee di azione programmatiche. Il sito è online dal 1 aprile 2018.
Io (Luca Di Pietro) e Alvaro Borrego siamo i due Co-founders di Euro-Latin Cooperation. Abbiamo vissuto e viaggiato in America Latina, conosciuto in prima persona questo straordinario continente, osservato le grandi disuguaglianze delle metropoli latine, ascoltato i racconti di violenze di famiglie distrutte dalla guerra civile (colombiana). Abbiamo anche operato in prima persona, con scuole e enti di educazione primaria in contesti rurali e urbani in Ecuador e Colombia, per apportare un piccolo contributo al benessere del popolo latinoamericano.
Così, una volta tornati in Europa, rispettivamente in Italia e Spagna, abbiamo deciso di aprire uno spazio per sostenere i valori in cui crediamo: accoglienza, dialogo, condivisione e cooperazione.

Ecco com’è nato Euro-Latin Cooperation.

 

I due Co-Founders della piattaforma

[I due Co-Founder della Piattaforma (Luca Di Pietro sulla sinistra e Alvaro Borrego sulla destra)]

  • Quante sono le persone dietro Euro-Latin Cooperation e che mansioni hanno?

Il Team di Euro-Latin Cooperation é composto, ad ora, da 5 membri che scrivono da tre paesi: Italia, Spagna e Argentina. I due co founders si occupano della gestione e organizzazione della piattaforma, elaborazione delle strategie e della redazione di un calendario per le pubblicazioni. Nel dettaglio Alvaro è a capo della versione in spagnolo del sito, mentre io coordino la versione in Italiano. Per qualsiasi tipo di decisione riguardante articoli, campagne pubblicitarie e progetti ci consultiamo via Skype.

Due dei collaboratori scrivono articoli e pubblicazioni alimentando il contenuto del blog, entrambi hanno un ruolo attivo nella gestione della pagina Facebook di Euro-Latin Cooperation.
La realizzazione del sito e il suo mantenimento tecnico (grafica, plugin, layout, privacy policy) é opera di un altro nostro collaboratore, un grande esperto nel campo della programmazione informatica.

 

  • Quali sono i punti di forza di questo progetto a vostro parere?

Il nostro punto di forza è sicuramente quello di disporre di un sito multilingue, italiano e spagnolo. Questo ci permette di allargare e raggiungere un target più amplio di lettori. Tra i punti di forza mi sento di aggiungere “l’originalità” delle nostre pubblicazioni.

Alcuni dei nostri articoli scatenano grandi dibattiti tra i lettori, su Facebook in particolare, perché noi di Euro-Latin Cooperation prendiamo posizione su diversi temi di attualità. Per esempio negli ultimi due mesi ci siamo schierati per l’accoglienza dei migranti respinti dal governo italiano sulla nave Aquarius e a favore della legalizzazione dell’aborto in Argentina.

Siamo fieri di prendere posizioni e portare avanti le nostre battaglie per i diritti. Un blog di cooperazione é uno spazio anche per esprimere le proprie idee, e guardando i numeri fino ad oggi posso dire che la scelta sta premiando.

Bambino del Villaggio Puerto Nariño(Bambino che gioca nel villaggio di Puerto Nariño)

  • E quelli di debolezza?

Un punto di debolezza è quello di essere appena nati, il sito ha solo cinque mesi, e di contare con pochi collaboratori per la redazione di articoli. Più collaboratori o corrispondenti ci aiuterebbero non solamente a aumentare il contenuto della pagina, ma aiuterebbero anche l’indicizzazione sui motori di ricerca.

 

  • I risultati ottenuti fino ad ora sono, a vostro avviso, soddisfacenti o vi aspettavate di più?

Siamo assolutamente soddisfatti, vediamo che la gente ci legge sempre di più, soprattutto dall’America latina. La maggior parte dei nostri lettori sono peruviani, colombiani, spagnoli, italiani e argentini. Questo ci motiva a continuare con maggiore determinazione.

 

  • Oltre al sito web utilizzate altre piattaforme (Twitter, Facebook, Youtube, Instagram ecc) per diffondere i vostri articoli/esperienze?

Utilizziamo molto Instagram, dove contiamo ben 1000 Followers e Facebook. Abbiamo anche un account twitter. Tutti i social vengono utilizzati come supporto al blog con l’obiettivo di indirizzare gli utenti sui nostri articoli.

 

  • Vi è un argomento “preferito” e che quindi vi piace affrontare più su Euro-Latin Cooperation? Se si, quale è?

La Colombia senza dubbio, sia io che Alvaro, altro co founder, abbiamo vissuto in Colombia per circa sei mesi, io per realizzare la mia tesi di laurea magistrale sullo sviluppo rurale nel post-conflitto, mentre Alvaro coordinava e gestiva un progetto di volontariato patrocinato dall’Universidad del Norte della città di Barranquilla.

Entrambi conosciamo bene questo paese e non è un caso che la maggior parte delle pubblicazioni presenti nel blog facciano riferimento a questo.

 

  • Che ruolo riveste la Tecnologia nel Vostro Progetto?

Per noi la tecnologia è fondamentale, siamo nati e ci stiamo facendo conoscere grazie alle piattaforme informatiche. Come ho già menzionato prima, Euro-Latin Cooperation ha un addetto che si occupa con grande professionalità della parte informatica.

Montagne arcobaleno Perù

(Montagne Arcobaleno situate in Perù)

  • Ci sono progetti “Work in Progress” per il breve e/o lungo periodo?

Assolutamente si!

Nel Breve periodo (1-2 mesi) abbiamo intenzione di realizzare un merchandising di T-Shirt attraverso la piattaforma Designbyhumans, i cui ricavati contribuiranno in qualche modo al sostentamento delle spese di gestione, mantenimento e pubblicità del blog.

Nel medio (4-6 mesi) vogliamo creare delle partnership con ONG e siti che operano nel nostro stesso settore, ossia quello della cooperazione. Vorremmo anche aumentare e i nostri contatti in America Latina per dar voce a quelle piccole realtà che, per varie motivazioni, hanno difficoltà a farsi conoscere come scuole, organizzazioni di volontariato associazioni etc.

Nel lungo periodo, ossia entro un anno, vorremmo riuscire ad aprire una versione in Inglese di Euro-Latin Cooperation. Secondo noi il sito non potrà fare a meno di una English version. Restiamo aperti alla possibilità, in un futuro non troppo lontano, di lanciare una campagna di crowd funding e un e-commerce per finanziare progetti di sviluppo in America latina da noi organizzati e gestiti per contribuire ancora una volta, in maniera più incisiva, allo sviluppo del continente sud americano.

 

Si ringrazia Euro-Latin Cooperation per aver concesso questa intervista.

A nome di tutto lo Staff di Euro-Latin Cooperation ringrazio Techgalaxy.eu per averci offerto l’opportunità di farci conoscere ulteriormente! Speriamo vivamente di rimanere in contatto e collaborare in progetti futuri.