Un brasiliano su 4 è vittima di attacchi phishing

Il sito d’informazione locale Techtudo ha evidenziato lo sconcertante primato mondiale del Brasile, in cui circa il 25% della popolazione (più di 48 milioni di persone), nel 2018, è stato vittima di truffe tramite phishing.

Questo tipo di truffa consiste nell’utilizzare siti web fasulli per rubare i dati degli utenti prime tra tutte le informazioni bancarie.

Gli attacchi arrivano in vari modi come e-mail, WhatsApp, SMS e anche con chiamate convenzionali, con l’obiettivo di ingannare gli utenti e facendosi rilasciare dei dati sensibili.

L’America Latina è l’area con il maggior numero di attacchi di phishing nel mondo. Il Brasile è il primo Paese al mondo nella classifica: nel 2018 il 23,3% della popolazione è stata vittima di phishing.

Il panorama generale degli attacchi online in Brasile risulta ancor più negativo, infatti, il 64,4% della popolazione ha subito una minaccia virtuale nel 2018. In totale, 160 milioni di brasiliani sono a rischio, il 60% in più rispetto al 2017, secondo Kaspersky Lab.