Il 76,8% degli italiani è favorevole alla richiesta di un documento per l’iscrizione sui social network

Il rapporto redatto da Agi-Censis ha fatto trasparire la propensione, degli italiani che navigano in internet, all’introduzione dell’obbligo di fornire un documento di identità all’atto di iscriversi a un social network.

Questa inclinazione favorevole è dettata sopratutto dalla diffusione delle fake news, dei fake account e di altri comportamenti scorretti che però vengono protetti dall’anonimato.

Il 76,8% è favorevole quindi all’introduzione di un metodo di riconoscimento, nel dettaglio, i favorevoli sono così divisi: il 33,2% vorrebbe la verifica sull’identità per evitare profili anonimi, il 28,7% per fare in modo che gli utenti rispondano direttamente dei loro comportamenti in rete e il 14,9% per controllare l’età minima di iscrizione.

Il 12,3% invece è contrario perchè fornirebbe ulteriori informazioni alle aziende e il 10,8%, invece, ritiene che in rete si dovrebbe essere liberi, anche di creare un profilo anonimo.