Cos’è il Bluetooth?

Il Bluetooth (spesso abbreviato in BT), nel campo delle telecomunicazioni, è uno standard di trasmissione dati per reti personali senza fili (WPAN: Wireless Personal Area Network).

Questo sistema di trasmissione è praticamente utilizzato ovunque, perchè fornisce un metodo standard, economico e sicuro per scambiare informazioni tra dispositivi diversi, attraverso una frequenza radio sicura a corto raggio (circa 10 metri).

I dispositivi che utilizzano questa tecnologia sono molti e anche molto diversi tra loro come: palmari, smartphone, personal computer, portatili, stampanti, fotocamere digitali, smartwatch, console per videogiochi e tanti altri. L’unico requisito per poter utilizzare il Bluetooth è che i dispositivi abbiano le specifiche hardware e software richieste dallo standard stesso.

N.B Ad oggi, tutti gli smartphone in commercio sono dotati di tecnologia Bluetooth.

La frequenza di lavoro del Bluetooth è di 2,45 GHz, per ridurre le interferenze il protocollo divide la banda in 79 canali. Il Bluetooth è nato per permettere il trasferimento di piccoli file ad una velocità contenuta. E’ possibile trasferire file di grandi dimensioni, ma impiegherebbero moltissimo tempo. A tal fine è consigliabile utilizzare altri metodi di trasferimento per questo genere di file.

Da dove viene il nome di Bluetooth?

Il nome deriva da Re Aroldo I di Danimarca (Harold Bluetooth in inglese), che fu un abile diplomatico e riuscì ad unire/comunicare le popolazioni scandinave introducendovi il cristianesimo. Proprio per questo gli inventori hanno deciso di chiamare questo protocollo Bluetooth, perchè capace di mettere in comunicazione dispositivi diversi attraverso un unico standard, proprio come Re Aroldo con la religione.

Potrebbero interessarti anche...